Sono stati ammessi a finanziamento dal programma comunitario Ipa (Instrument of pre-accession) due progetti presentati su proposta della Direzione regionale Lavoro e Istruzione del Friuli Venezia Giulia. Questo quanto riferisce l'agenzia regionale del Friuli Venezia Giulia (Arc), che specifica come entrambi i progetti vedranno la partecipazione dell'amministrazione regionale di Trieste in qualità di partner associato. Il primo progetto, denominato Blue Skills (Improving skills and knowledge through the integration of Vet systems for Blue Growth and Tourism Development) intende capitalizzare i risultati raggiunti dal progetto Kepass (Knowledge Exchange Program for the Adriatic School System). Verranno coinvolti come partner Informest, in qualità di capofila, le Regioni Marche e Abruzzo, l'agenzia albanese Auleda, l'Ufficio per i servizi dell'Educazione del Montenegro e l'Agenzia di sviluppo della Contea di Zara per la Croazia.

Coordinato dalla stessa Direzione tramite l'Area istruzione, alta formazione e ricerca, il progetto mira a armonizzare i sistemi didattici e dell'istruzione e della formazione professionale dell'area adriatica, al fine di supportare i pilastri "Crescita Blu" e "Turismo" della Strategia Adriatico-Ionica. Il secondo progetto, Blue Tech, si realizzerà nell'ambito della stessa macroregione, al fine di mettere a sistema i risultati raggiunti dai progetti finanziati nella precedente programmazione comunitaria. Scopo del progetto Blue Tech è quello di incoraggiare i territori dei diversi Stati membri dell'Unione Europea a cooperare mediante la realizzazione di azioni congiunte per lo scambio di esperienze e la costruzione di reti per rafforzare le capacità di sviluppo sostenibile dell'area adriatica.

Il progetto intende definire una strategia sostenibile di "Crescita Blu adriatico-ionica", da perseguire attraverso il miglioramento dei trasporti e del turismo marittimi e, più in generale, dell'uso della risorsa mare in modo integrato e sostenibile per l'ambiente. Il partenariato del progetto vede Unioncamere Veneto in qualità di capofila, mentre gli altri partner nel progetto saranno il ConCentro della Camera di commercio di Pordenone, Friuli Innovazione, la Provincia di Pesaro-Urbino, le Agenzie di sviluppo della Croazia e della Bosnia Erzegovina. L'assessore regionale al Lavoro e Istruzione Loredana Panariti ha espresso soddisfazione per il risultato ottenuto, auspicando che la partecipazione ai due progetti vada a vantaggio dell'intero territorio regionale e contribuisca a promuovere e sostenere azioni innovative nell'ambito dell'istruzione, della formazione professionale e delle tecnologie del mare.